Archivio mensile:dicembre 2013

Einstein 1921 by F Schmutzer.jpg

Come diceva Albert Einstein, “gli uomini sono lenti, inaccurati ma intelligenti, mentre i computer sono veloci, accurati ma stupidi; gli uomini e i computer assieme possono sviluppare però una potenza che va al di là di ogni immaginazione”.
Ray Kurzweil nel suo recente libro “La singolarità è vicina”, che consiglio di leggere, parla di crescita esponenziale non lineare della scienza e della tecnica e prevede che le quattro aree, informatica-nanotecnologie-bioingegneria genetica-robotica, nel giro di pochissimi decenni permetteranno all’uomo di superare la propria biologicità per arrivare a possedere “in qualche modo” il potere, da sempre ritenuto appannaggio esclusivo del “divino”, vale a dire dell’immortalità e dell’onnipotenza.
Ho appena iniziato a leggere “Apple come esperienza religiosa” di Antonio Guerrieri e vi prometto di aggiungere qualcosa in un prossimo post.
A parte questi voli pindarici, venendo a noi, il nostro piccolo cammino all’insegna del web è appena iniziato, mi permetto di dire, quest’anno. Poche settimane fa a Verona Francesco Pinciroli, che insegna tecnologie informatiche al Politecnico di Milano, ci ha parlato di era pre e post web in medicina.
La rivoluzione del digitale, iniziata a fine secolo scorso, non ha certo risparmiato la rapida trasformazione del nostro modo di essere, di lavorare e di comunicare.
Fiduciosi in questi cambiamenti epocali, abbiamo inaugurato quest’anno la SICVE 2.0, come sapete.
Con modesto orgoglio possiamo affermare che la nostra è stata tra le prime Società Scientifiche in Italia a cogliere il senso di tutto ciò e che non ci siamo sbagliati. Le cifre ce lo confermano.
Per i forum di sicve.it ben 75.759 accessi al 22 dicembre, quindi in meno di un anno (il forum con più successo, quello dei referenti regionali). Accessi al Blog: 654, in quasi solo un mese da quando è attivo.
Altri numerosissimi accessi da Camiciinrete, primo grande social network dedicato a medici specialisti di ogni genere, al quale siamo linkati da pochi mesi.
Ovviamente e forse per fortuna sono stati tutti accessi passivi, ma alcuni per fortuna interattivi e propositivi.
Sorge spontanea la domanda. Dove andremo di questo passo? Soprattutto, da dove vengono così tanti accessi? E’ impensabile che siamo solo noi Soci. In realtà siamo invece visitati da fuori, dai pazienti, dai familiari, da altri medici specialisti, dai caregivers ecc. dal grande popolo web insomma. E questo grazie soprattutto ai Motori di Ricerca. Il mondo reale, che sfrutta sempre più il web, da casa ci raggiunge sempre più numeroso e più facilmente. Basta cliccare su una parola chiave che ci riguarda e il nostro sito compare ai primi posti, se non al primo. E quando si ricevono visite è bene mettere in ordine la casa e fare bella figura.
Prossime iniziative? Abbiamo intenzione di promuovere un “Magazine” in verità già predisposto in HP a forma di carta geografica che sarà curato dai nostri referenti regionali, per cui cliccando sulla regione corrispondente si apre una pagina con le novità relative a quella regione. Per ora i lavori sono in corso.
Riteniamo molto utile questo strumento che metteremo a disposizione dei nostri delegati regionali in un’ottica di “federalismo”, consci che le diversità di situazioni e facilities tra le varie regioni possono rappresentare un problema da un lato ma un’opportunità da un altro, per poter essere più operativi e realistici. Per questo riteniamo sempre più fondamentale e prezioso il lavoro svolto dai nostri referenti regionali. Ben vengano meeting di lavoro e confronto con verifiche come quello svoltosi a Verona!
Permettete infine un cenno al ruolo del web anche nella produzione delle linee guida. Il web in tal caso oltre ad essere un prezioso strumento moderno ed efficiente è anche da apprezzare come tavolo di lavoro comune e trasparente nei processi di stesura e verifica.
Aggiungiamo infine il ruolo e l’importanza dell’APP, altra importante iniziativa che col nuovo anno farà diventare più moderna la nostra Società e tramite la quale sarà possibile interagire in tempo reale con tutti i servizi on line. Si potranno ad esempio scaricare su qualunque proprio dispositivo mobile o fisso iniziative, documenti, linee guida e check list di applicazione, programmi di eventi congressuali es. Torino 2014, Milano Expo 2015.

Ma di questo parleremo più avanti. Intanto grazie a tutti e sopratutto
BUONE FESTIVITA’ da
SICVE 2.0
SANGUINETTI team
SEGRETERIA CONOR
PRESIDENZA E CD SICVE

Annunci

“Una settimana da Dio” post di Gaetano Lanza

 

Parafrasando un film recente con Jim Carray e facendo le debite proporzioni, questa appena scorsa potremmo definirla una settimana da Dio per la chirurgia vascolare italiana.

E’ appena terminato l’evento organizzato da Andrea Stella su “Technologies in endovascular aortic repair” in cui è stato fatto un utile aggiornamento con la partecipazione di opinion leader italiani e stranieri.

Partiamo però dall’evento (colossale) organizzato a Rimini da FederAnziani e dalla Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute nel quale per tre giorni medici e pazienti (delegati di FederAnziani) si sono riuniti per elaborare e condividere “Documenti” in grado di fornire “risposte concrete alle criticità del Servizio Sanitario Nazionale”. Per avere un’idea della portata diciamo solo che gli iscritti a FederAnziani sono alcuni milioni, organizzati in centinaia di sezioni sul territorio nazionale. Federanziani ha interfaccia diretta con Ministero della Salute, ISS, AIFA, FarmIndustria, AssoGenerici, AssoBiomedica, FederFarma, Società Scientifiche di Medicina Generale (SIMG) e di numerose altre Specialità. A questo evento grazie soprattutto a Carlo Setacci la SICVE è stata chiamata a rappresentare la chirurgia vascolare endovascolare italiana e a condividere i lavori e fornire un primo Documento nell’ambito di una tra le ventuno Commissioni Tecniche Nazionali relative ad altrettanti Dipartimenti.  Il proficuo lavoro svolto nell’ambito delle diverse Commissioni Tecniche Nazionali, ha condotto all’elaborazione di documenti finali che, approvati da centinaia di delegati FederAnziani presenti a Rimini, rappresenteranno il punto di partenza della futura attività della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute.

I prossimi mesi vedranno l’organismo di FederAnziani lavorare assieme alle società medico-scientifiche, alla Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale e alle Istituzioni, già riunite in occasione del Congresso a Rimini in specifici tavoli di lavoro, attorno a  temi prioritari tra i quali il diritto alla prevenzione e alle cure più appropriate (vascolari nel nostro caso). L’obiettivo è far adottare ai decisori, nazionali e locali, le soluzioni approvate dalle ventuno Commissioni Tecniche Nazionali riunitesi a Rimini e ratificate dal popolo di FederAnziani, per far evolvere il SSN rendendolo più rispondente ai bisogni reali dei pazienti e dei

cittadini, in una logica di sostenibilità.

E’ possibile seguire i futuri lavori su www.cortegiustiziapopolare.it  dove saranno a breve disponibili i dossier prodotti dai Dipartimenti.

Subito dopo Rimini ho partecipato personalmente a Firenze alla Riunione di Coordinamento per la Revisione delle Linee Guida Nazionali SPREAD, ora ISO-SPREAD, sull’ictus cerebrale e alla Riunione Congiunta dell’ISO (Italian Stroke Organization), nelle quali SICVE è stata riconfermata come unico interlocutore per gli aspetti chirurgici.

Da Firenze a Torino, dove la SICVE nella persona del nostro Presidente Peinetti e di altri chirurghi vascolari ha partecipato al Congresso Nazionale del Gruppo di Studio CardioToracoVascolare della SIAARTI (Soc. It. Anestesisti e Rianimatori) con proficuo scambio di informazioni e momenti di utile confronto. Il nostro Presidente e il Presidente di SIAARTI hanno firmato quello che definirei uno storico accordo tra le due Società per una collaborazione, in particolare in studi di Registro (nostro SICVEREG) e in Protocolli/Percorsi Diagnostico-Terapeutici condivisi e Linee Guida (le nostre in fase di revisione).

Da Torino a Verona dove, forse per la prima volta, i nostri referenti Regionali si sono riuniti in un Convegno di Lavoro organizzato dal Collegio dei Primari Ospedalieri di Chirurgia Vascolare, che ringraziamo (ringraziamo anche Bolton). Definirlo utile è decisamente riduttivo. Vediamo alcune idee e altrettanti programmi emersi e da portare avanti (secondo me). Le slides compariranno a breve sul sito del Collegio e su sicve.it

  1. ICT. Claudio Novali ha fornito esperienze ed esempi preziosi su come sfruttare e far fruttare idee, occasioni e spunti per valorizzare il ruolo della Comunicazione. Francesco Pinciroli del Politecnico di Milano ha confermato l’importanza, anzi l’indispensabilità ormai del web nel rapporto medico-paziente e medico-medico. Interessante lo spunto per un Position Paper, sulla falsa riga di quello prodotto da ANMCO, da poter pubblicare e mostrare alle Istituzioni. All’orizzonte il Fascicolo Sanitario Elettronico del Cittadino.
  2. Rete Formativa. E’ stato fatto un interessante update sulle normative che regolano e regoleranno a breve la Formazione dei nostri specializzandi. Rimane ancora in progress la Rete che dovrà conciliare la spending review, la domanda e il bisogno di Formazione, l’offerta formativa dei Centri Universitari che potrebbero risultare autosufficienti (in alcune realtà, quali?) o insufficienti e quindi tali da richiedere una collaborazione di Centri Ospedalieri (in altre realtà, quali?). Personalmente credo comunque nel valore della Rete formativa per poter offrire allo specializzando una gamma più ampia di esperienze: Rete Formativa interuniversitaria, ancor meglio università-ospedale su territorio. Anche per questo item potrebbe essere utile un Position Paper (mia proposta) e/o un Osservatorio Inter Regionale (proposta del Presidente Peinetti) coordinato dai nostri Referenti Regionali.
  3. Registro. Ribadita l’indispensabilità di un Registro più “partecipato” e “validato”. L’effetto Bari (promozione all’ultimo Congresso SICVE) ha invertito la curva che era in discesa dal 2008. Abbiamo oggi fiducia grazie al lavoro che i nostri referenti regionali stanno svolgendo, in alcune regioni anche con mille difficoltà e intralci inutili da parte di altri colleghi. Elementi su cui lavorare. La validazione interna mediante commissione di auditing indipendente (tentativo fatto in passato) e mediante partecipazione di altre figure professionali, specie Anestesisti che tra l’altro validerebbero la classe di rischio e l’outcome post procedurale del paziente, elementi questi di criticità attuale. La validazione esterna mediante sistemi: cruscotto di benchmarking (come sperimentato con successo in Piemonte), confronto con DRG regionali (necessità di avere dati e codifiche omogenee), collaborazione con Piano Esiti di AGENAS. Prioritaria l’adozione di indicatori (pochi ma buoni) di appropriatezza, controllo di processo e qualità di risultato.
  4. Rapporti con le Istituzioni. E’ stata ricordata dal nostro Presidente Peinetti la lettera di presentazione che i referenti regionali dovranno inviare agli assessori regionali per farsi ricevere.  Castelli ha sottolineato l’importanza del tasso di ricoveri ripetuti come indice di performance dei centri, complessità di patologia e outcome dei pazienti. Tale indice viene preso quasi sempre in considerazione dai nostri amministratori e per questo è opportuno presentarsi e lavorare con loro in tal senso. Grego ha riportato le linee di un Documento programmatico proposto a Regione Veneto  e che potrebbe servire da traccia per altri Documenti. Anche Carbonari ha parlato delle criticità nelle Marche ma anche di proposte di lavoro. Il sottoscritto ha ricordato il Documento condiviso in Regione Lombardia. L’invito è che i referenti regionali inseriscano nel web area forum i relativi Documenti Regionali. Criticità e proposte sono state presentate anche da Volpe per Calabria e da Lomeo e Bajardi per Sicilia.

Vari sono stati altri interventi e proposte. Segnalerei, senza togliere merito ad altre, quella di Farina Michele Angelo: HTA e Orizon Scanning come apripista per i nostri amministratori e terreno di lavoro proficuo.

Il mio taccuino si è riempito di altri appunti.  Ve li risparmio. E’ stata davvero una settimana da Dio….attendo commenti. Grazie a Voi tutti. Gaetano Lanza