Archivio mensile:luglio 2014

Il nuovo Regolamento per l’accesso alle scuole di specializzazione. Post di Gaetano Lanza

Il nuovo Regolamento per l’accesso alle scuole di specializzazione. Post di Gaetano Lanza Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.170 del 24-7-2014, il decreto n. 105 del 30 giugno 2014, che contiene il regolamento sulle modalità di ammissione dei medici alle scuole di specializzazione in medicina e chirurgia. Alle scuole si accede con concorso annuale per titoli ed esami bandito entro il 28 febbraio di ciascun anno con decreto del Ministero. In prima applicazione, però, si specifica che il termine è fissato al prossimo 31 luglio, rimane quindi meno di una settimana per l’emanazione del bando. Nel bando saranno indicati i posti disponibili presso ciascuna scuola, i temi di studio sui quali sono predisposti i quesiti, gli esami fondamentali, caratterizzanti e specifici valutabili in relazione a ciascuna tipologia di scuola per la quale si concorre, i criteri di assegnazione del punteggio, il calendario, la durata e le modalità di svolgimento e di correzione della prova d’esame. Clicca qui per saperne di più. Mi piacerebbe raccogliere qui qualche vostra impressione. Dico subito la mia. Non necessariamente e automaticamente riforma é sinonimo di progresso. Vedi la precedente Riforma per l’accesso a Medicina, che viene ora rinnegata. La prova d’accesso alla scuola di specializzazione somiglia molto a quella precedente per l’accesso a Medicina (quiz, punteggi ecc.), con in più la maggior centralizzazione a livello nazionale. Siamo sicuri che non ci sia anche per questa (per la specializzazione) un passo indietro tra qualche anno? In fondo le motivazioni e le denunce potrebbero essere le stesse. Siamo sicuri che bastino quiz per ammettere o rifiutare? La medicina non é matematica, lo sappiamo. Perchè dobbiamo scegliere i medici come fossero solo matematici? Chi valuta la predisposizione a tutti o a buona parte degli aspetti che fanno parte del corredo assistenziale-manageriale del medico (specialista), compresa la sua comunicatività. Per ultimo, chi risarcirà gli esclusi ai quali poi, probabilmente, verranno riconosciuti in ritardo i diritti negati? A volte rimpiango la figura del “maestro” che cresceva, allevava e formava i suoi discepoli. Si chiamava “scuola”. Io, come tanti di voi, ebbi la fortuna di crescere, non senza sacrifici, dal corso di laurea alla specializzazzione a dopo la specializzazione al posto di lavoro, rimanendo nella stessa scuola. Il mio fu un maestro di vita oltre che di professione. Non ci fu nessun quiz da superare. Ci furono tanti ostacoli. Quelli furono e continuano ad essere Il mio test di ammissione.

Aggiornamento al 04.08.14

Il MIUR  ha chiesto quest’anno alle Regioni di indicare le proprie offerte preliminarmente alla suddivisione nazionale. Diverse Regioni hanno, comprensibilmente, risposto che avrebbero fornito le loro indicazioni solo dopo aver conosciuto la tipologia dell’offerta nazionale, come suddivisa nelle varie specialità. Questa é la Tabella dell’offerta dei posti da parte del Ministero.

Posti Specializzazione – Contratti statali

Sabato scorso, come sopra riportato, è stato pubblicato il DM 595_2014, nel quale, tra l’altro, si indica come data ultima per la trasmissione delle proposte delle Regioni al Ministero la giornata di mercoledì 6 agosto, in particolare entro le ore 14.00 prevedendo il Ministero stesso la pubblicazione del bando di concorso per il giorno 8 agosto.

Diverse Regioni a nostra saputa hanno espresso significative preoccupazioni sulle possibilità di poter fornire al Ministero le indicazioni richieste entro la data prevista, Se il Ministero non dovesse ritardare l’uscita del bando previsto per venerdì prossimo 8 agosto od individuare un’altra formula per consentire alle Regioni di poter gestire con appropriatezza il procedimento amministrativo che consente di finanziare le borse, potrebbe essere  oggettivamente a rischio l’attribuzione delle borse regionali.

Annunci

Il nuovo Patto della Salute. Post di Gaetano Lanza

Il nuovo Patto della Salute. Post di Gaetano Lanza

E’ stato siglato in questi giorni il nuovo Patto della Salute. Clicca qui per un sommario.

Ho trovato tre spunti interessanti che qui vorrei commentare brevemente in maiuscolo. Su altri aspetti del Patto e su questi che ben vengano Vostri commenti.

ASSISTENZA OSPEDALIERA (ART. 3)
“Va adottato, senza ulteriori rinvii, il regolamento sugli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi in attuazione del decreto 95/2012 dell’ex ministro Balduzzi. Entro il 31 dicembre 2014 Stato e Regioni dovranno anche stipulare un’intesa sugli indirizzi per la piena realizzazione della continuità assistenziale ospedale-territorio.” POSSIAMO DARE IL NOSTRO CONTRIBUTO ALLE ISTITUZIONI SENZA RIMANERE PASSIVI, MA FORNENDO NOI ALCUNI STANDARD CHE CI RIGUARDANO E IN LINEA CON GLI INDIRIZZI DEL PATTO? CERTO! ABBIAMO PREPARATO UN DOCUMENTO SULLA MESSA IN RETE DEI CENTRI DI CHIRURGIA VASCOLARE PUBBLICATO SU HP DI SICVE.IT
– ABBIAMO INFORMATO I NOSTRI REFERENTI REGIONALI E PREPARATO UNA LETTERA DEL PRESIDENTE DA PORTARE ALLE ISTITUZIONI REGIONALI, ANCHE QUESTAPUBBLICATA SU SICVE.IT- GIA’ IN ALCUNE REGIONI I NOSTRI REFERENTI REGIONALI SI STANNO MUOVENDO IN TA SENSO (LOMBARDIA, LAZIO, PIEMONTE AD ESEMPIO)

EMERGENZA-URGENZA (ART. 5)
“Per quanto concerne le attività del 118 si stabilisce che l’Agenas debba occuparsi di definire il bacino di utenza delle centrali che coordinato e gestiscono le richieste di soccorso in relazione alla disponibilità di nuove tecnologie informatiche e telefoniche allo scopo di rendere più efficiente il sistema. Un accordo Stato Regioni dovrà poi definire i criteri per l’accreditamento dei servizi di trasporto e soccorso sanitario, definendo la dotazione delle attrezzature e dei presidi, l’allestimento dei mezzi di soccorso e i requisiti di dotazione organica quali-quantitativa del personale, per livello funzionale di base e avanzato per garantire l’erogazione uniforme e in linea con le norme europee.”I  ANCHE QUI. ABBIAMO PREPARATO UN DOCUMENTO PER AGENAS E TRA LE SOCIETà SCIENTIFICHE AL TAVOLO TECNICO SIAMO L’INTERLOCUTORE PRIVILEGIATO – IL NOSTRO PRESIDENTE E IL CD STANNO GIA’ LAVORANDO CON AGENAS PER LA RETE EMERGENZE-URGENZE- .

SANITA’ DIGITALE (ART. 15)
“Regioni e Governo sigleranno, entro 30 giorni dall’intesa sul Patto, un Patto per la Sanità Digitale, cioè un piano strategico per la diffusione della sanità digitale.” BISOGNA CONTINUARE A LAVORARE SULLA ICT (INFORMATION COMMUNICATION TECHNOLOGY) DI SICVE 2.0 –

Forza Ragazzi!