Archivio mensile:luglio 2015

Le nuove Linee Guida della SICVE. Post di Roberto Chiesa.

Le nuove Linee guida della SICVE. Post di Roberto Chiesa.

(estratto dalla Prefazione della pubblicazione su Italian Journal of Vascular Endovascular Surgery)

Le linee guida per una Società Scientifica non sono un optional da poter o meno offrire ai propri Soci e alla comunità scientifica. Sono tra i must di formazione e aggiornamento e rientrano nei requisiti di produzione per la certificazione e l’allineamento ai parametri nazionali e internazionali previsti per le Associazioni Scientifiche.

La SICVE ha offerto in passato linee guida anche solo su singoli argomenti, sia mutuandole soprattutto da quelle europee e adattandole, oppure scrivendole in parte ex novo, ma seguendo modelli metodologici sempre diversi.

Negli ultimi anni si è posto l’obiettivo di lavorare ad un unicum comprendente tutti i capitoli inerenti la chirurgia vascolare seguendo una linea metodologica di lavoro comune nel rispetto delle procedure operative standard indicate dalle linee guida delle linee guida internazionali al fine di produrre testi e quindi raccomandazioni da potersi ritenere valide e affidabili.

Per questo è stato deciso dagli Autori nelle fasi di partenza di adottare la metodologia dell’ACC/AHA (American College of Cardiology/American Heart Association) riconosciuta tra le più valide a livello internazionale. Si è ritenuto opportuno anche concordare le seguenti caratteristiche fondamentali: multi professionalità e competenza, applicabilità nella realtà italiana, fondamento sull’evidenza, apertura alle acquisizioni più recenti, propositività, dinamicità, aggiornamento continuo e consenso più ampio possibile. Soprattutto per queste ultime si è scelto un sistema di lavoro cooperativo web mediato, per cui i vari Autori hanno potuto e potranno effettuare sempre più facilmente e proficuamente non solo la survey tra i vari contributi e opinioni in letteratura e tra di loro ma anche le previste procedure di verifica e consenso. Lo stesso web system permetterà in futuro l’interazione e l’integrazione tra producer e consumer tipico dei modelli più avanzati di condivisione e consenso societario.

Ciò non toglie che queste linee guida oltre ad essere fruibili tramite internet nel sito web ufficiale della Società (sicve.it) potranno essere pubblicate a breve anche su Italian Journal of Vascular Endovascular Surgery, Organo Ufficiale della SICVE, per il quale sono previsti due numeri speciali di prima prossima pubblicazione e successivi numeri di aggiornamento nei prossimi anni.

Infine desidero esprimere l’orgoglio di tutta la Società per essere riuscita per la prima volta a costruire, senza mutuare da altre autorevoli linee guida, specie estere, ma semmai confrontandosi con queste, linee guida proprie altrettanto autorevoli e metodologicamente valide e corrette, ma soprattutto da poter applicare alla realtà italiana. Il mondo reale, infatti, per il quale le linee guida vanno costruite e poi applicate, è unico e originale, poco sovrapponibile a quello di altri paesi. E se è vero che la medicina basata sulle evidenze dei Trials e dei Registri internazionali, che rimane alla base della produzione di qualunque linea guida, ha la pretesa di avere valore universale, per cui molto più semplicemente si potrebbe adottare qualunque linea guida anche estera, purchè evidence based e quindi affidabile, è altrettanto vero che il giudizio di ponderatezza e il consenso, che si basano su evidenze e verifiche territoriali oltre che su criteri di applicabilità e adattabilità, e che sono altrettanto basilari per la produzione di linee guida, non possono che essere necessariamente e opportunamente il frutto di esperti nazionali.

Un ringraziamento sentito va a tutti gli Autori e Revisori per l’impegno prezioso che finora hanno dedicato e vorranno continuare a dedicare.

Il Presidente SICVE – Roberto Chiesa

Annunci

TV 2.0 il nuovo sistema di far televisione. Post di Gaetano Lanza.

TV 2.0   il nuovo sistema di far televisione. Post di Gaetano Lanza.

Venerdì 17, per scaramanzia non esco e mi siedo davanti al tubo catodico di sempre. Scopro e mi incuriosisce. Non tanto la trasmissione che sarà la solita pizza ma il sistema.

”Gli italiani hanno sempre ragione” è il primo programma televisivo (si dice) che sonda in tempo reale cosa pensano gli italiani. Conduce Fabio Frizzi. Tramite una semplice App scaricata gratuitamente sul telefonino o Tablet o PC è possibile esprimere da casa la propria opinione in maniera diretta connettendosi in tempo reale con lo studio Televisivo attraverso una piattaforma tecnologica innovativa. Tre coppie di VIP e sei famiglie/gruppi d’ascolto in collegamento gareggiano per il premio finale.

E penso. Se ci fosse Mike Bongiorno! Ho un attacco di nostalgia. Mi ricorda l’infanzia.

E penso. Ma Mike non aveva questo sistema a disposizione, altrimenti figuriamoci. Allora, ai tempi di Mike, la TV era 1.0. Non era possibile interagire da casa col tubo catodico. La TV emetteva (emette ancora) e la retina e la coclea dell’utente a casa poteva solo subire (e subisce ancora) passivamente il Niagara di segnali audio-visivi.

Stasera, la TV è 2.0. Chi emette può interagire con chi riceve e viceversa.  Tutto ciò è stupefacente. Non trovate?

Nel corso di una vita umana (la mia) la Comunicazione è stata capace di trasformarsi e far passi da gigante in modo impensabile e con la cosidetta rivoluzione digitale il ritmo evolutivo, per la legge di Moore, sarà sempre più veloce. Ma il Progresso spesso fa poca notizia o non ne fa proprio. Non ci avvelena perché come Mitridate lo assumiamo giorno dopo giorno a piccole dosi.  Proprio come la SICVE, che piano piano da 1.0 si è trasformata o si sta trasformando in 2.0. Ma nessuno se ne accorge.

Il Manifesto di Assobiomedica. Post di Gaetano Lanza.

Il Manifesto di Assobiomedica. Post di Gaetano Lanza.

manifesto assobiomedica

Un mese fa, il 7 giugno per la precisione, pubblicammo un post sulle “Strategie Comuni” con Assobiomedica e in particolare sull’incontro a Roma presso la sede di Confidustria organizzato da Assobiomedica con la FISM e alcune tra le principali Società Scientifiche. In tale incontro si esprimevano “le principali preoccupazioni comuni su alcuni punti e si sottolineava la necessità e opportunità di costituire un fronte comune e un Tavolo di Lavoro Permanente per interfacciarsi e interagire, quanto più possibile, quanto più efficacemente possibile con le Istituzioni, quali Ministero della Salute, Ministero dell’Econonomia, Conferenza Stato Regioni, singoli Assessorati e Direzioni Generali Regionali per la Salute”.

Abbiamo pensato di pubblicare ora, in anteprima, il Manifesto – clicca sull’allegato – che sarà sottoscritto da Assobiomedica e dalle Società Scientifiche, quindi anche da SICVE.

L’auspicio è che venga recepito a tutti i livelli, dai cosiddetti Governanti ai cittadini comuni.

Per essere recepito deve essere pubblicato e noi cominciamo da questo Blog.

Ovviamente senza grandi pretese (dal Blog).

Ma bisognerà capire prima possibile come fare in modo che il Manifesto non resti un Manifesto e basta.

Qui il Blog può servire a ricevere suggerimenti e a scambiare idee, e quindi qualcosa la possiamo pretendere dal Blog. Pertanto Vi ringraziamo in anticipo.