Archivio mensile:giugno 2017

Forum del Mediterraneo. Forum Méditerranéen. Post di Gaetano Lanza.

Résultat de recherche d'images pour "mediterraneo immagini"

Se dico Mediterraneo, cosa Vi viene in mente? Facile, il barcone pieno di uomini, donne e bambini ammassati tra la vita e la morte, con anche qualcuno o qualcuna già morta, il barcone della morte, ma anche della speranza di una vita migliore, anzi di una vita. Qualcuno é giunto a definirlo il mare della morte. Con la speranza che sia invece il mare della vita.

C’é una bella canzone di Mango, morte pramaturamente, ciao Mango, figlio (per errore avevo scritto giglio, e ho sbagliato a correggere) del Mediterraneo, che parla di Mediterraneo da scoprire, da morire. Sentitela. E’ piena di poesia.

Il Mediterraneo non é, non deve essere e non sarà il mare della morte. Persino chi dibatte ed é contrario ai barconi dell’accoglienza, ed é per i respingimenti, non vuole che lo sia. Non merita di esserlo. Non merita di esserlo nessun mare, perché la scienza ci ricorda che nel mare e dal mare spunto’ la vita sul nostro pianeta tre miliardi di anni fa. Prima di essere come siamo, esseri complessi in grado di conquistare l’universo, fummo alghe, esseri semplici unicellulari, poi pesci in fondo al mare, poi anfibi e rettili che strisciarono sulle rocce e la terra ferma e solo da poco abbiamo drizzato la schiena e le antenne, scrutato l’orizzonte e il cielo e non sappiamo ancora chi siamo e cosa faremo tra poco, se sopravvireremo, in quale forma di vita e su quale pianeta se il nostro diventerà per noi asfissiante.

Il Mediterraneo, il mondo lo sa, é stata la culla della civiltà occidentale e del pensiero moderno, anche della carta dei diritti umani oltre che della scienza umana.

Ma perchè scrivo oggi del Meditarreo? Certo anche perchè sarà partito anche stanotte qualche altro barcone. Certo perché sentiro’ e leggero’ anche oggi la notizia che ormai non fa più neanche notizia. In realtà scrivo da Tolosa, dove ieri, sabato 24 giugno, con Flavio Peinetti e Tchomba come delegato di Roberto Chiesa, abbiamo partecipato ad una riunione preparativa al Forum del Mediteranneo, organizzata dagli amici francesi, in pieno Congresso Nazionale della Società Francese di Chirurgia Vascolare, la SCVE (manca solo una “I” per chiamarsi come la nostra). C’erano oltre che di Italia e Francia anche delegati di Algeria, Marocco, Tunisia, e il sostegno di Libano e Spagna. Intendiamoci subito. Non vuole essere un’altra, ennesima Società Scientifica. Non ce n’é bisogno. Ce ne sono già troppe. Vuole essere quello che é. Un Forum per scambiare opinioni, incontri, impressioni, network, social, poi anche formazione, progetti, studi, ricerche, specie tra i giovani, maestri di comunicazione, non necessariamente congressoni e poltrone, anzi i congressoni e le poltrone forse (speriamo) saranno fuori luogo e fuori spirito. Ci saranno occasioni congressuali (Bologna, Napoli in Italia e altre sedi da concordare), per scambiare, confrontarsi, programmare. Se necessario, si organizzerà ad hoc qualcosa.

Una cosa é certa. Il Forum del Mediterraneo é salpato, e porta con sè speranze di comunicazione tra le diverse realtà, fresche di idee.

Non anticipiamo nulla perché sarebbe fuori luogo e fuori spirito, ma ci siamo promessi di scambiarci molte cose (speriamo tante) via web. Una volta bisognava sfidare il mare in tempesta con barconi di legno e con vele spiegate al vento, più sicuri dei barconi di gomma di oggi. Erano quelle le barche che portavavo semi di progresso e civiltà in questa Europa selvaggia.

E’ questo il momento per ricordarlo all’Europa? Ah, se lo é, eccome! Ricordiamoglielo. Ricordiamoglielo pure. Rivendichiamolo.

Oggi si naviga in internet, come stiamo già facendo e faremo, seduti comodamente a casa propria.

Per portare anche questa volta nel Mediterraneo e dal Mediterraneo semi di progresso e civiltà in Europa e nel Mondo. Con la stessa speranza, forza, determinazione, coraggio e tenacia di allora, per sfidare il mare in tempesta, quando la priorità era costruire la Magna Grecia e con essa il futuro dell’umanità.

en français

Si je dis le mot  Méditerranée, qu’est-ce qu’il vous vient à l’esprit?

C’est simple, les bateaux pleins d’hommes, de femmes et d’enfants empilés entre la vie et la mort, avec quelqu’un ou quelqu’une parmi eux qui est déjà mort…les bateaux de la mort, mais aussi l’espoir d’une vie meilleure, on dirait finalmente une vie.

Quelqu’un est arrivé au pont de la définir la mer de la mort. Avec l’espoir au contraire qu’elle puisse plutôt  être la mer de la vie.

Il y a une belle chanson de Mango, chanteur qui est mort trop rapidement, salut Mango (par erreur je l’ai écrit Lily, et j’ai commis la faute de le corriger), fils de la Méditerranée, qui évoque une mer  Méditerranée, à découvrir, à mourir.  Elle est à écouter absoluement cette chanson, car elle est pleine de poésie.

La Méditerranée n’est pas, ne doit pas  l’être et ne sera pas la mer de la mort. Même ceux qui se disputent autour à ce thème et qui sont contraires aux bateaux qui accueillent les gens qui échappent de l’Afrique, et qui veulent les réjeter, ils n’ont pas envie que la Méditerannée devienne la mer de la mort. Elle ne mérite pas de l’ être.

Aucune mer, ne mérite de l’être parce-que les Sciences nous rappellent que c’est dans la mer et grâce à la mer  que la vie est née sur notre planète il y a trois milliards d’années.

Avant d’être comme nous le sommes maintenant, des êtres complexes capables de conquérir l’univers, il y avait des algues, des êtres unicellulaires simples, puis les poissons dans la mer, puis les amphibiens et les reptiles qui rampaient sur les rochers et la terre ferme, et puis récemment nous avons redressé le dos et les antennes, scruté l’horizon et le ciel et nous ne savons pas encore qui nous sommes et ce que nous ferons bientôt, si nous survivrons, sous quelle forme de vie et sur quel planète, si le nôtre deviendra pour nous asphyxiant.

La Méditerranée, le monde le sait, a été le berceau de la civilisation occidentale et de la pensée moderne, même de la charte des droits de l’homme ainsi que de la science humaine.

Mais pourquoi je vous écris aujourd’hui de la Méditerranée? Certainement aussi parce que un bateau sera parti ce soir aussi. Bien sûr, j’irai lire aujourd’hui aussi, la même nouvelle, qui à présent n’est plus une nouvelle.

A’ vrai dire, je vous écris de Toulouse, où, le samedi 24 Juin avec Flavio Peinetti et Tshomba comme représentant de Roberto Chiesa, nous avons participé à une réunion de préparation du Forum Méditerannéen, organisé par les amis français, au sein du Congrès de la Société nationale française de chirurgie vasculaire, la SCVE (il lui manque seulement un « I » pour avoir notre même nom).

Il y avaient des délégués d’Italie et de la France mais également des délégués de, Algérie, Maroc,  Tunisie,et le soutien  de Liban et Espagne.

Souvenez-vous dès le début. Le forum ne veut pas être une autre société scientifique. Il y en a pas besoin. Il y en a déjà trop. Il veut être ce qu’il est.

Un forum pour échanger des point de vue, des impressions, un réseau, et même la formation, les projets, les études, la recherche, en particulier chez les jeunes, qui sont très forts en communication, il ne veut pas organiser nécessairement des congrès ou bien produire des  fauteuils.

Il y aura d’autres occasions, d’autres congrès (Bologne et Naples en Italie et autres sièges d’envisager), pour échanger, discuter, planifier. Si nécessaire, on organisera ad hoc quelque chose.

Une chose est certaine. Le Forum méditerranéen est parti, et il ammène avec lui l’espoir de la communication entre différentes entités, de nouvelles idées.

 Nous ne prévoyons rien parce qu’il est pas le cas, mais nous avons promis d’échanger beaucoup de choses (je l’espère beaucoup) sur le web.

Autrefois on devait défier la mer orageuse avec des bateaux en bois et  avec lesvoiles au vent, plus sûr que les bateaux en caoutchouc d’aujourd’hui.

Tels étaient les bateaux qui emportaient les  grains du progrès et de la civilisation dans cette Europe sauvage.

Il est temps de le rappeler à l’Europe. Rappelons-le, revendiquons-le.

Aujourd’hui, nous voyageons sur Internet, et de la même façon que nous le faisons déjà, nous le ferons encore, assis confortablement à la maison.

Pour ammener encore cette fois-ci dans la Méditerranée les grains du progrès et de la civilisation en Europe et dans le monde entier.

Avec le même espoir, la force, la détermination, le courage et la ténacité du temps, de défier la mer orageuse, lorsque la priorité était de construire la civilisation des Grecs, et avec elle l’avenir de l’humanité.

 

Annunci

I medici giovani curano meglio? Post di Gaetano Lanza.

Lo sostiene uno studio recentissimo del Medicare in USA appena comparso sulla prestigiosa Rivista BMJ.

over 60 BMJ

Le domande che si erano poste gli autori erano 3: la prima, se c’era un’associazione tra età del medico curante e mortalità ospedaliera a 30 giorni dell’assistito; la seconda, se questa associazione era influenzata dal volume dei pazienti trattati dal medico; la terza,  se c’era un’associazione tra età del medico e tasso di ricovero ripetuto/costo di trattamento. Pazienti studiati: 65-75 anni, ricoverati in acuto, escluse patologie ad alta mortalità come il cancro ecc. esclusi pazienti con già ricoveri ripetuti, selezionate le malattie con più frequenti ricoveri in acuto (sepsi, bronchite, scompenso cardiaco), randomizzati per l’assegnazione al medico responsabile delle cure in ospedale. Risultati. La mortalità globale dei pazienti a 30 giorni è stata 11.1%; significativamente più alta se il medico aveva più di 60 anni, con la seguente curva di associazione tra età del medico e adjusted 30 day mortality: < 40 anni / 10.8%, 40-49 anni / 11.1%, 50-59 / 11.3%, > 60 anni / 12.1%. L’alto volume di trattamento  si é associato comunque a più basso indice di mortalità, indipendentemente dall’età del medico. Viceversa non c’è alcuna associazione tra età del medico e tasso di ricovero ripetuto a 30 giorni o costo del trattamento. Risultati simili sono stati riscontrati anche in un campione rappresentativo di medici di medicina generale di territorio.

Interessanti le considerazioni degli autori. E’ più probabile che i medici più anziani aderiscano meno alle linee guida basate sull’evidenza, che applichino meno spesso i nuovi provati trattamenti, che siano meno aggiornati o che abbiano seguito meno corsi di training. L’età di per sé non può comunque bastare a indicare il grado di performance del medico in termini di outcome dei pazienti, poiché per ogni categoria d’età sono stati riscontrati vari livelli di performance. Gli alti volumi di trattamento comunque sarebbero “garanzia” di buona qualità. Diversi sono i limiti dello studio riconosciuti dagli stessi autori, come ad esempio la rappresentatività della realtà del Medicare e non necessariamente di quella di altre realtà americane o di altri paesi. Gli autori stessi però non si sottraggono dal riconoscere il valore dei risultati.

Nasce spontanea l’estensione dei risultati alla nostra realtà, italiana e in particolare chirurgica ospedaliera. Siamo portati a riconoscerci nel Medicare (anche per altri studi). Se volevamo avere una prova del valore aggiunto del fatto di essere giovani medici, e che convenga essere giovani più che anziani,  eccone una da una fonte autorevole. Ma attenzione ai limiti riconosciuti dagli stessi autori. Soprattutto, lo studio è stato condotto su internisti ospedalieri. Le conclusioni sono simili anche per i chirurghi, sapendo che la chirurgia implica soprattutto esperienza acquisita ? Vi lasciamo con questo dubbio, ma anche con una lancia spezzata a favore dei nostri giovani.

Dall’eco della carotide l’età biologica di un individuo. Post di Gaetano Lanza.

 

       

E’ stato sempre un mantra di Maestri del calibro ad esempio di Edmondo Malan. La nostra età è quella delle nostre arterie. Se le nostre arterie si mantengono giovani, rimaniamo giovani. Si chiama anche età biologica, diversa da quella anagrafica che è quella riportata sulla nostra carta d’identità, per intenderci. L’età biologica è quella reale del nostro organismo ( e quindi delle nostre arterie) che può invecchiare più velocemente e più lentamente, rispetto all’età anagrafica. Età anagrafica ed età biologica non necessariamente devono quindi coincidere. Quella che interessa di più è quella biologica.

Per determinare l’età biologica di un individuo non esistevano metodi indiretti di determinazione semplici, precisi e standardizzati, fino a pochi giorni fa, quando alcuni ricercatori dell’Istituto di Biologia Molecolare Engelhardt dell’Accademia Russa delle Scienze e del Centro Ricerche Cliniche per la Gerontologia, dell’Istituto di Fisica e Tecnologia di Mosca hanno pubblicato sulla rivista Aging (vedi allegato) uno studio a dir poco interessante.

Aging 2017, Vol 9, N 4

Le tecniche più accurate per determinare l’età biologica erano e sono ancora quelle basate sull’analisi del DNA (del cosiddetto ‘orologio epigenetico’) e prevedono un errore medio di tre anni (si stima). Trattasi però di analisi costose che di fatto non vengono utilizzate nella pratica quotidiana.

Secondo questo studio invece basta analizzare lo spessore della parete carotidea all’ecocolordoppler, la velocità dell’onda, il diametro del lume carotideo e il grado di stenosi (se presente) e l’indice di augmentation (ovvero la differenza tra il secondo e il primo picco pressorio dell’onda). Ognuno di questi indici rappresenta un marker validato di aterosclerosi, ipertensione, diabete e altre condizioni. Questo studio dimostra come analizzando e processando questi marker, tramite un algoritmo, é possibile determinare con una certa precisione l’età biologica (accuratezza stimata 86.5% per le donne e 80% per gli uomini).

Per validare questo algoritmo sono stati studiati 303 soggetti (199 donne e 104 uomini), di età compresa tra i 23 e i 91 anni, i dati sono stati sottoposti ad un’analisi di regressione non lineare e confrontati con i dati ottenuti attraverso altre tecniche per valutare la stima di rischio individuale di sviluppare una patologia cardiovascolare secondo il Framingham CVD Prediction Score.

Gli stessi autori tengono a precisare che la formula serve a ricavare la presunta età biologica cardiovascolare dell’individuo basandosi su provate correlazioni tra parametri vascolari (della parete carotidea) e stime di rischio di eventi cardiovascolari maggiori. Ma, aggiungono gli autori, i parametri presi in esame sembrano correlare anche con stime di rischio di malattie neoplastiche o degenerative neurologiche, come dimostrato in letteratura.

Insomma, di questo articolo o di questo filone di ricerca sentiremo ancora parlare di sicuro.

Le Ministre Europee della Difesa. Post di Pietro Romano *.

Con la nomina di Sylvie Goulard a ministro dell’Armate francese sono sei le donne titolari del dicastero della difesa nell’Unione europea. La Francia si è aggiunta a Germania, Italia, Norvegia, Olanda e Spagna. Nessuna ha mai avuto a che fare con le divise: due sono state eurodeputate, una è laureata in lettere ed è stata funzionaria di partito – l’italiana Roberta Pinotti – , un’altra è medico, un’altra ancora è stata produttrice televisiva e solo una, la spagnola Maria Dolores de Cospedal, diplomatico di carriera, nella sua carriera precedente e nella sua formazione ha avuto qualche attinenza con le politiche militari.

L’agenzia d’informazione Bloomberg – di proprietà dell’ex sindaco di New York, repubblicano ma elettore di Hilary Clinton – sostiene che “le donne a capo delle macchine militari europee sono ministri della pace, non della guerra”. Un’osservazione in linea con la vulgata, non con la storia. Il National Bureau of Economici Research ha di recente pubblicato lo studio di due docenti di università nordamericane – Oeindrila Dube e Simon Harish – dedicato alle regine europee dal 15esimo al 20esimo secolo titolato “Queens”. Nella parte dedicata alle guerra rivela che, nel periodo in esame, “i regni guidati da donne avevano una maggiore propensione a scendere in guerra di quelli governati da uomini”. Negli ultimi decenni, da Israele all’India passando per il Regno Unito, ci sono state donne al potere che non hanno di certo temuto il confronto bellico. E al vertice di organizzazioni terroristiche e criminali non mancano, anzi crescono al galoppo, le cape di sesso femminile. Altro che “ministri di pace”. A meno che, con questa definizione, non ci si rifaccia al “ministro della pace” di “1984”. Nel capolavoro del britannico George Orwell – scritto nel ’48 e pubblicato nel ’49, dove il mondo angosciante che descrive come prossimo futuro è l’Unione sovietica e non la Germania hitleriana, già distrutta da anni – il governo conta quattro ministeri principali, tra cui quello della pace, che poi nella realtà è un aggressivo ministero della guerra. Meditate, gente, meditate…

*Pietro Romano è il Direttore Responsabile di Ore 12 Italia Sanità, mensile d’Informazione Economico-Sanitaria, di cui è possibile trovare in www.sicve.it il numero del mese.